Vai al contenuto

Milano, Sala toglie la mobilità privata alla massa e ne va fiero

Alla fine lo ha dichiarato per esteso, chiaro e netto senza equivoci: “La transizione è funzionale a ridimensionare la mobilità privata“.

E così il Sindaco di Milano rivendica come “giusto” il blocco delle Diesel Euro 5 anche in Area B del comune di Milano a partire dal 1 Ottobre. Area B vuol dire il 72% del territorio comunale di Milano, come si evince dalla cartina . (In area C, questo tragico epilogo era già scontato, a cui vanno aggiunte le ibride con emissioni superiori a 100 g/km CO2).

D’altronde il sindaco stizzito lo rimarca ai suoi interlocutori col fastidio di chi non ha il tempo nè la voglia di guardare le ragioni del popolaccio appiedato.

Che non sia giusto è una sua opinione e la posso anche rispettare, ma rimane il fatto che abbiamo sempre chiarito ai cittadini milanesi, sia a chi mi ha votato sia a quelli che non mi hanno votato, che la transizione ambientale è fondamentale e stiamo cercando di portarla avanti, a nostro giudizio, con buon senso; un passaggio che vede impegnate le grandi città. Questo blocco non è una sorpresa, lo avevo dichiarato un anno fa e proseguo su questa strada» risponde al cronista che porge i dubbi di chi si vede togliere l’auto sotto i piedi

«E che cosa fanno i milanesi che respirano male? E quelli che chiedono un cambiamento a livello ambientale? I diritti sono di tutti, per cui l’amministrazione comunale lo ha detto e lo farà>>

(Fonte: Quattroruote)

L’idea dei nostri governanti radical-chic si riduce a quattro slogan ed una grande rapace bramosia di ridurre il tenore di vita delle masse ai livelli precedenti alla seconda guerra mondiale. L’auto sarà un privilegio da ricchi. E gli altri a piedi.

Riguardo alla scusa che Sala accampa per questa austerity veicolare (il particolato dei diesel farebbe respirare male i milanesi) abbiamo una domanda semplice da porgli: come spiega quello che c’era durante il lockdown???????????

livelli di pm10 registrati dal 21 al 20 Marzo 2020 a Venezia-Terraferma, in pieno lockdown

Fino a quando si continuerà a sorvolare sul racconto-truffa del particolato antropico, i blocchi e le restrizioni continueranno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*